Tacchi in spalla

I filosofi ritengono che la meraviglia sia un requisito indispensabile per avviare una qualunque ricerca: se non ci si meraviglia, non si è portati a cominciare un bel niente. Così comincia la filosofia. Così comincia Sex and the City. La filosofia, che dalla notte dei tempi si è occupata degli argomenti più nobili e astratti, nelle pagine di questo libro ha da dire qualcosa su sesso, amore e fantasia, spingendosi addirittura a considerare gli oggetti erotici. Attraverso una serie di domande, riprese dagli argomenti trattati nella famosa serie tv “Sex and the City”, l’autrice ci porta in una dimensione aulica e allo stesso tempo molto trash, analizzando con un approccio filosofico, quelli che sono gli interrogativi e i temi più argomentati da sempre dalle donne, e ovviamente, dalle 4 protagoniste del telefilm: Carrie, Miranda, Charlotte e Samantha, che, ogni giorno, si trovano a dover fronteggiare un nuovo problema. Libertà di coppia, l’autoerotismo, l’uomo perfetto, e l’importanza dell’ apparenza, si mescolano magistralmente a cocktails, sfilate di moda ed energie sprecate alla ricerca dell’uomo perfetto. Le quattro amiche se la sono spassata, chiacchierando, vivendo in pieno le giornate, versando molte lacrime e ridendo di gusto. Anche se queste donne non sono proprio come noi, visto che non viaggiamo su scarpe da 1000 dollari, né tantomeno abbiamo abiti super fashion e un uomo che venga a salvarci proprio nel momento del bisogno, potremmo considerare questo libro un manuale di sopravvivenza per sole donne. Anche se non facciamo colazione da Tiffany, ma alle 7 di mattina e non abbiamo storie da ricordare, ma che al contrario cerchiamo di dimenticare il più in fretta possibile. Lasciando da parte ogni inutile pregiudizio, grazie a questo libro, riusciamo con piacere a vedere non solo l’effetto che fa accostare la filosofia a Sex and the City, ma anche che cosa ne viene fuori. Risate garantite e molto su cui riflettere e imparare, ma senza disperarsi, nonostante la possibilità che il nostro Cupido abbia fatto un volo dal condominio sia davvero reale.

Sex and the City e la filosofia

Carola Barbero

Il melangolo

Carola Barbero, nasce a Torino nel 1975. Laureatasi in filosofia all’università di Torino, è oggi assegnista di ricerca presso la medesima università. In quanto esperta di fenomenologia, cerca di portare la filosofia a divenire interesse delle masse, poichè ritiene che sia utile a tutti e non incomprensibile al grande pubblico. Ha pubblicato i volumi “Madame Bovary: something like a melody” e “Chi ha paura di Mr. Hyde? Oggetti fittizzi, emozionali reali”.

Share

Lascia un commento

Media



Archivio