Archivio Tag ‘saggio’

Essere e non essere: il genere lontano dalle antinomie

Non tutte le Relazioni pericolose scombinano gli equilibri e mettono in discussione le sicurezze per puro atto di ribellione, alcune hanno lo scopo di porre in luce questioni fondamentali; contestano, ma senza strepitio. La Mimesis Edizioni celebra la nascita di questa collana con il suo primo titolo: Manifesto per un nuovo femminismo, saggio a più mani e più voci, reso un compendio della società odierna; ne viene il riflesso di un Occidente affaticato dai veloci cambiamenti culturali e confuso dal bisogno d’identificare il ruolo e l’essenza femminile, d’un tratto divenuti sfuggenti. C’è soprattutto questo – l’ossessiva tendenza a catalogare e ...

La bellezza, adesso

La società contemporanea è oggetto frequente di osservazioni, dal proliferare di studi accademici al cicaleccio quotidiano; meno diffusa, però, è la prospettiva che eviti sia i toni paternalistici che i facili moralismi, addirittura senza indugiare in una tentazione permissiva. Alberto Abruzzese non sveste i panni del sociologo erudito, ma si propone di evitare il difetto che rimprovera alla letteratura specialistica: non toccare il senso comune. Per quest’indagine sulla bellezza, allora, inizia da se stesso e dall’esperienza ordinaria; osserva come i mezzi di comunicazione abbiano facilitato un’estetica priva di eticità, capace di negoziare valori diversi – puramente consumistici – per giudicare il ...

Poche pagine sull’amore, molti spunti su tutto il resto

Frammenti sull’amore, in tutta la sua essenzialità, induce a grandi riflessioni su quell’immenso sentimento che ispira libri, canzoni, film e che, in un modo o nell’altro, guida la vita di tutti i giorni. In questo testo l’autrice Maria Zambrano si scaglia contro l’Umanesimo, il cui errore è stato collocare al centro del mondo l’uomo e la sua ratio, ignorando quasi completamente la presenza divina, considerata irrazionale e imprevedibile. Attraverso una più che interessante argomentazione, l’autrice intende dimostrare in che modo l’amore si sveli a noi, sostenendo che il sentimento è più intenso e sincero proprio quando è celato o subito, piuttosto che nei ...

Ricordi e riflessioni, tra dilemmi umanitari e sacrifici per la pace

La parola “pace” è da tempo diventata spunto per gag comiche da film e cabaret. Mi viene in mente lo sketch di Katia e Valeria a Zelig, quello in cui interpretano le due finaliste di Miss Italia. Bisio chiede a Valeria: “Cosa desideri di più al mondo?” E lei: “La pace nel mondo!” “E a cosa rinuncieresti per la corona di Miss Italia?” “Alla pace nel mondo!”. Di pace si riempiono tutti la bocca ma il concetto sembra ormai ridotto a un simbolo vuoto disegnato su una spilletta; pochi ci credono veramente, ma Giulio Marcon fa parte di questo scarno gruppo, uno ...

Storie di Romania e romeni in Italia: oltre gli stereotipi

La suadente e calda voce di Jim Morrison ci confessa, in una celebre canzone del ’67, che “le persone sono strane quando sei uno sconosciuto”, quando sei uno straniero. Ma chi è lo straniero? E così, ci ritroviamo a rimuginare sull’annosa ma mai superata questione dello straniero, quel prodotto finale del fenomeno sociale-politico-economico che risponde al nome di migrazione. Certo, è doveroso sottolineare come nella nostra realtà globale parlare di migrazioni e frontiere sia un discorso dal confine mutevole, spostato sempre un po’ più in là, in cui i concetti di cittadino e cittadinanza non sono più strettamente dipendenti dai dati ...

Non è mai troppo presto

Non è mai troppo presto: dev’essere stato questo ciò che ha pensato Andrea Colombo quando ha confidato all’illustratore Andrea Nicolò l’intuizione di redarre un saggio politico destinato nientepopodimeno che a ragazze e ragazzi. Infatti, a partire dal presupposto che è bene che la coscienza sociale e l’educazione civica si formino in tenera età, perché non cercare di inculcare ai più giovani l’interesse verso la politica, che è indice di amore verso se stessi, gli altri e il mondo che ci ospita? In Italia la politica è sinonimo di lobby di potere, giochi di palazzo. E a essere spiegata con sorprendente semplicità e ...

Caccia alle streghe!

Se una persona volesse farsi una cultura approfondita sulla caccia alle streghe in Europa, dal Medioevo fino al secolo scorso, e conoscerne tutti i risvolti e i retroscena che determinarono quell’ondata di misoginia parossistica, non esiterei a consigliarle il saggio di Brian P. Levack dal titolo La caccia alle streghe in Europa. Curato con gran dovizia di particolari, a tratti oserei dire persino noioso per l’eccessiva minuziosità dei dettagli, il trattato analizza la persecuzione verso le streghe cercando di capire dove finisce la realtà e subentra la fantasia e viceversa. La maggior parte di noi conosce soltanto le caratteristiche salienti della grande ...

Una città, un sogno!

1976. Anno strano per la storia del mondo. Jobs e Wozniack diedero vita alla Apple computer. In Argentina ci fu il golpe militarista del generale Videla. L’Italia, invece, affrontò il suo periodo più buio dopo l’occupazione nazista, definito come “anni di piombo”. Il terrorismo insanguinava le strade; giornalisti e giudici uccisi erano notizie all’ordine del giorno: due anni dopo, infatti, sarà rapito e ucciso lo statista Aldo Moro. In quei giorni, la gente respirava aria di terrore, si chiudeva in casa; le strade erano deserte. Roma, invece, proprio in risposta a quest’ angoscia, fu scenario di un evento che non avrà eguali se non, forse, nella Notte ...

Sapete gustare le voci dei libri?

Ricerco libri di diverso genere, compagni graditi e assidui, sempre disposti a tacere e a parlare, a rimanere in casa e ad accompagnarti nei boschi, a insegnarti i segreti delle cose, le norme di vita, la moderazione nella buona fortuna, la forza nell’avversa. Francesco Petrarca Leggere è un gesto quotidiano, in apparenza un atto semplice che, però, implica il volere accettare un rapporto complesso che necessita di una capacità, di un valore: la disponibilità ad ascoltare. Ezio Raimondi, decano degli italianisti, scrive in un breve saggio l’autobiografia di un’eterna fedeltà, di una vita passata ascoltando Le voci dei libri. Una vita lunga, fatta di letture, ...

Perdetevi tra le parole!

Non prendete queste pagine come un manuale o men che mai come un libro accademico: si tratta di “consigli di scrittura”, da qualcuno che ha passato la vita a scrivere a qualcuno che forse vorrà farlo: suggerimenti da cui traspare la caratteristica forse più pura dell’opera di Carver, e quella che dovrebbe animare ogni scrittore: l’onestà. Alla domanda “Come ci si sente a essere gli editori italiani di Raymond Carver?”, Marco Cassini, fondatore e animatore di minimum fax, risponde: “mai stato meglio in vita mia”. Cassini si dichiara ossessionato da uno dei maestri della narrativa americana e riferimento indiscutibile della letteratura del Novecento, tanto ...

Media



Archivio